Seguici su Facebook

l'Associazione

Associazione per le Tradizioni Popolari (Faggiano - Taranto)


L'Associazione per le Tradizioni Popolari, associazione no-profit operante sul territorio di Faggiano dal 1998, ha per scopo e finalità la promozione e organizzazione di manifestazioni nelle quali vengono rivalutate, il folklore, il culto e la storia della comunità di Faggiano.
Tra le tante iniziative intraprese nel corso degli anni dai soci dall'Associazione, finalizzate al recupero delle tradizioni popolari, è lecito citare e soffermare l'attenzione sull'organizzazione della rappresentazione vivente della Natività, diventata l'appuntamento costante e tanto atteso della programmazione natalizia.

Lo scenario naturale


Il Presepe Vivente di Faggiano , nato nel 1992, si svolge nel periodo compreso tra il 24 Dicembre ed il 6 Gennaio in un sito naturale con caratteristiche rupestri, in una zona a ridosso del dosso collinare del paese, denominata ″Campana″.
Trattasi di un sito che la natura, pare, abbia plasmato appositamente per questo tipo di rappresentazione: grotte naturali, conformazioni rocciose facilmente sfruttabili come luoghi per lo svolgimento delle varie attività che di solito contornano ed arricchiscono un presepio, camminamenti che disegnano un percorso adattissimo a far entrare i visitatori nel vivo della rappresentazione e qualche ritocco, per rendere più accogliente il luogo, concorrono a determinare uno scenario naturale che ben si presta alla manifestazione. I vari personaggi e scene, che si creano, trovano naturale collocazione all'interno di tale paesaggio entro limiti ben precisi determinati da recinzioni a secco preesistenti e dall'orografia stessa del terreno che a monte presenta delle rocce affioranti come limiti.

Personaggi


Il paesaggio naturale è arricchito da manufatti in pietra e/o legno che ricostruiscono luoghi e situazioni caratteristiche di questa tradizionale rappresentazione. All' interno di queste grotte e manufatti si collocano gli oltre cento personaggi che danno vitalità al presepe con la centralità naturalmente della grotta della nascita, dove in ogni serata si alternano coppie di giovani sposi che con il loro pargoletto, il Bambin Gesù, interpretano Giuseppe e Maria, contornato il tutto da classiche iconografie religiose quali gli angeli, il bue e l'asinello.
Il visitatore, percorrendo il percorso obbligato del presepe, può soffermare la sua attenzione a tutti quei mestieri di natura contadina che infondono calore umano e scenografico all'ambiente della rappresentazione, quindi troviamo: i pastori, con le pecore al pascolo, il calzolaio, il falegname, il fabbro, il cestaio, il ceramista, l'artigiano della pietra, l'oste che mesce il vino, il casaro che in tempo reale prepara la ricotta, la locanda dove le massaie preparano le classiche pettole natalizie che vengono offerte al visitatore, le capanne con le massaie che davanti al fuoco del camino preparano la pasta fatta in casa, il pescatore che dal laghetto porta il pesce nella sua grotta per preparalo ed offrirlo ai visitatori, la dimora di Erode, il mulino, il frantoio, focolari domestici con tessitrici e ricamatrici. Tra ruscelli, laghetti e cascate, inoltre tanti bambini che con intonano canti di lode e preghiera per la venuta di Gesù Bambino. Il giorno dell' Epifania poi, il presepe si arricchisce dell'arrivo dei Re Magi che con il loro doni rendono omaggio al Salvatore.
L'incantevole sito rupestre e gli oltre cento personaggi che vi partecipano, infondono al paesaggio e nel cuore dei visitatori , migliaia ogni anno, quell'atmosfera di suggestione e di mistero, tali da restituire alla nascita del Bambin Gesù un senso di pace e di fede.

Il presepe vivente di Faggiano








Le Attività


Festa della Vendemmia
Le Tavole di San Giuseppe

I Riconoscimenti


La creatività dei soci dell'Associazione sempre attenti alla cura dei particolari e dei dettagli della rappresentazione, è stata premiata da diversi riconoscimenti nazionali, tra cui quello di ″Miglior Presepe Vivente d'Italia″, attribuito dall'Associazione Culturale e Regionale ″Amici del Presepio delle Madonie e di Sicilia″ per ben tre anni consecutivi: '98, '99 e 2000.

il Direttivo dell'Associazione


- Presidente Angelo ZANZANELLA

- Vice Presidente Francesco Minelli

- Segretario/tesoriere Giuseppe Scalone

- Consiglieri :

- Cosimo Cardea
- Fiorino Antonio
- Giuseppe Tavolaro
- Giuseppe Castellano
- Giuseppina Tavolaro
- Lidia Airò
- Marino Iacca